Archivi Mensili: gennaio 2014

Assemblea pubblica

intestazioneCaro/a Cittadino/a,

nel prossimo maggio il nostro Comune sarà coinvolto nelle consultazioni elettorali amministrative con altri 1.000 municipi lombardi per la designazione del nuovo sindaco.
Dopo alcuni incontri con gli iscritti nelle scorse settimane, il Circolo Giorgio Amendola, vuole confrontarsi con gli olevanesi e i Consiglieri Comunali di opposizione, vicini all’area progressista, mettendo a disposizione i propri spazi per agevolare il dibattito e le proposte per il futuro del nostro paese.

Raccogliendo l’appello di unità, nell’interesse del rinnovamento, ti invitiamo

 SABATO 1 FEBBRAIO 2014

alle ORE 16.00

presso la sede democratica di via V. Emanuele II, n°1, per discutere dei seguenti argomenti:

a) attuale situazione amministrativa;
b) proposte e osservazioni per improntare un futuro programma ;
c)  varie ed eventuali

Nel futuro di Olevano ci sei anche tu.
Il suo domani scriviamolo insieme!

Certo della tua partecipazione ti saluto

Entusiasmo!

                                                                                                            Il Segretario di Circolo
Giuseppe Poggi

Twitter_logo#unitisipuò

Morani: “Intollerabili gli insulti alle deputate PD”

Hanno presentato querela contro il pentastellato Massimo Felice De Rosa sette deputate del Pd, a seguito degli insulti rivolti loro dall’onerevole grillino, nella serata del 29 gennaio 2014, nell’aula della Commissione Giustizia della Camera dei deputati. Nel testo si legge l’insulto sessista che l’onorevole-cittadino ha rivolto alle colleghe. A essere state offese sono: Micaela Campana, Alessandra Moretti, Fabrizia Giuliani, Maria Michela Marzano, Assunta Tartaglione, Chiara Gribaudo e Giuditta Pini.

denunciabis_MGzoom

“Ha offeso la dignità delle donne del Pd e delle donne italiane”, sottolinea la responsabile Giustizia dei Democratici Alessia Morani, “Stanno impedendo l’esercizio delle democrazia”. Continua a leggere

Guarda l’intervista dell’ On. Morani  con un click su YouDem.tv

Unknown

Una inqualificabile escalation

Guerini_pd“Una inqualificabile escalation di episodi gravissimi. Il Movimento Cinque Stelle nei suoi gesti in Parlamento di queste ultime ore si mostra una compagine di violenti che offende la democrazia e le Istituzioni.

Ostruzionismo cieco, insulti da bar sport contro le parlamentari del PD, occupazioni selvagge di Commissioni, fino ad arrivare ad impedire al capogruppo democratico Speranza di parlare in sala stampa. La misura è colma, non possiamo più tollerare un simile modo di agire da squadristi. Una deriva che preoccupa tutte le persone che hanno a cuore la democrazia e le sue Istituzioni”. Così Lorenzo Guerini, portavoce della Segreteria nazionale del PD. Continua al leggere

I congressi regionali

Primarie_PD_regionaliCon i congressi regionali, previsti in tutta Italia per il 16 febbraio, si chiude il percorso congressuale del Partito democratico. Un cammino iniziato con i congressi di circolo e che l’8 dicembre, con le primarie nazionali, ha visto l’elezione di Matteo Renzi a segretario nazionale.
Il 16 febbraio il Pd eleggerà 16 segretari regionali con primarie aperte a tutti i cittadini, come già avvenuto l’8 dicembre. Le regioni in cui si sceglieranno i segretari sono Alto Adige, Valle d’Aosta, Friuli, Veneto, Piemonte, Lombardia, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Molise, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia.

Leggi qui tutti i documenti e i moduli per i congressi regionali

fonte Partito Democratico

Fassino: “Ma il Pd non si è mai battuto per le preferenze. Pericolose”

Piero_Fassino_PD«Siamo a un passaggio cruciale. Da anni si discute di riforme istituzionali e di nuova legge elettorale, bisogna dare esito a questo dibattito. Le condizioni ci sono e non vanno sprecate». Secondo il sindaco di Torino, Piero Fassino – da pochi mesi presidente dell`Anci – «Renzi ha avuto il merito e il coraggio di rompere gli indugi e di avanzare una proposta» che non riguarda solo il Porcellum. «Si pongono tre questioni intimamente legate – spiega Fassino – Il superamento del bicameralismo “perfetto”, la revisione del sistema dei poteri regionali, una riforma elettorale in grado di garantire stabilità, governabilità e rappresentanza. Abbiamo davanti un`occasione irripetibile, ma l`obiettivo si può raggiungere soprattutto se il Pd è coeso e determinato».
Renzi avverte che senza riforma si va a votare e Brunetta sostiene che se si fa la legge si vota. Come la mettiamo?
«Sgombriamo il campo dalle dichiarazioni strumentali della destra. Berlusconi sostiene che questa è la sua legge ? Non è vero, infatti spinse Calderoli a fare ilPorcellum. Anche quella di Brunetta è una forzatura strumentale. Fa finta di dimenticare che una volta approvata la riforma bisognerà ridisegnare le circoscrizioni con un lavoro che richiede tempo. I partiti, poi, dovranno attrezzarsi. Se si va o no ad elezioni non dipende dalla legge elettorale e dai tempi della sua approvazione..»  Continua a leggere
fonte Partito Democratico

Attacco alle sedi Pd: una vile e inaccettabile azione antidemocratica

Roma_partito democraticoGli uffici del Pd di via delle Sette Chiese a Roma che ospitano le sedi della segreteria regionale e delle federazioni di Roma e della provincia sono state messe a soqquadro, la scorsa notte, da ignoti che hanno fatto irruzione al secondo piano del palazzo che si trova nel quartiere Garbatella della Capitale. Lo rendono noto in un comunicato congiunto le segreterie del Pd del Lazio, di Roma e della provincia. “Un’azione che ha colpito – spiega la nota – tutti i locali in uso al Pd che sono stati completamente messi sotto sopra. All’apertura degli uffici questa mattina gli impiegati e i volontari del Pd hanno trovato gli uffici e le sale riunioni completamente devastate, con cassettiere distrutte e uffici danneggiati”. “L’irruzione e’ stata prontamente denunciata agli inquirenti che esattamente due mesi fa, erano dovuti intervenire per un’altra grave intrusione, avvenuta nella notte del 24 novembre. Negli uffici di via delle Sette Chiese – conclude il comunicato – sono intervenuti sia la polizia che i carabinieri che, insieme ai responsabili del Pd, stanno svolgendo i rilievi e le verifiche del caso, utili per le indagini”. Continua a leggere

Assemblea pubblica

intestazioneCaro/a Cittadino/a,

nel prossimo maggio il nostro Comune sarà coinvolto nelle consultazioni elettorali amministrative con altri 1.000 municipi lombardi per la designazione del nuovo sindaco.
Dopo alcuni incontri con gli iscritti nelle scorse settimane, il Circolo Giorgio Amendola, vuole confrontarsi con gli olevanesi e i Consiglieri Comunali di opposizione, vicini all’area progressista, mettendo a disposizione i propri spazi per agevolare il dibattito e le proposte per il futuro del nostro paese.

Raccogliendo l’appello di unità, nell’interesse del rinnovamento, ti invitiamo

 SABATO 1 FEBBRAIO 2014

alle ORE 16.00

presso la sede democratica di via V. Emanuele II, n°1, per discutere dei seguenti argomenti:

a) attuale situazione amministrativa;
b) proposte e osservazioni per improntare un futuro programma ;
c)  varie ed eventuali

Nel futuro di Olevano ci sei anche tu.
Il suo domani scriviamolo insieme!

Certo della tua partecipazione ti saluto

Entusiasmo!

                                                                                                            Il Segretario di Circolo
Giuseppe Poggi

Twitter_logo#unitisipuò

Comunicato 1/2014

intestazione

Il dinamismo che ha saputo raccogliere quasi tre milioni di cittadini alle consultazioni primarie dello scorso dicembre  è stata la dimostrazione che tra gli strati  della società civile è ancora viva la passione politica. Questi elettori hanno chiesto al Partito Democratico e al suo nuovo Segretario di cambiare il passo di marcia delle istituzioni. Dialogo e confronto con i cittadini e le altre forze politiche stanno caratterizzando la svolta nella Terza Repubblica. I Circoli democratici hanno riscoperto il dibattito e il confronto, aprendo le porte anche a quegli elettori che per troppo tempo guardavano la politica con diffidenza.

Raccogliendo questo entusiasmo  che da tempo si era sbiadito, anche il Circolo Amendola ne ha preso consapevolmente atto. Il dibattito dei democratici olevanesi degli ultimi mesi, ha consegnato una linea ben descritta nel programma del nuovo direttivo.

Alcuni dei propositi votati alla quasi totale unanimità (98%) ha già visto la realizzazione di alcuni punti importanti di rinnovamento. Tra le voci proposte, la più visibile, è la nuova comunicabilità ben sposata con i tradizionali mezzi. Ma per realizzare fino all’ultimo punto il programma non basta la sola presenza sul web e social network.

Questi sono i mezzi messi a disposizione per interagire con le giovani generazioni e avvicinarle al confronto.

Ma la velocità d’informazione e la condivisione di proposte non può restare dietro uno schermo. Molte sono le idee di coinvolgimento culturale che verranno discusse e realizzate durante il 2014.

Questo sarà un anno importante non solo per quello che il PD sta affrontando a livello nazionale.

Nei prossimi mesi il Partito affronterà due importanti competizioni elettorali: il rinnovamento del Parlamento europeo e le amministrative in più di 1.000 Comuni lombardi.

Anche Il Comune di Olevano sarà coinvolto per la designazione del nuovo sindaco e dei consiglieri nel prossimo maggio.

Dopo alcune consultazioni tra gli iscritti nelle scorse settimane, si raccoglie l’appello di unità nell’interesse del rinnovamento.

Per ora restano importanti le idee e i contenuti da includere in un programma condiviso per il nostro Paese. Il dibattito è aperto non avendo ancora in modo definitivo trovato  né il candidato sindaco e i consiglieri che l’appoggeranno.

Aperti al confronto con i cittadini e le forze dalla casa progressista abbracciamo il dibattito per scrivere uniti una nuova pagina del nostro paese.

Senza pregiudizi il Circolo Amendola convoca per sabato 1 febbraio i cittadini olevanesi al confronto, aprendo anche ai non iscritti la possibilità di dare suggerimenti e indicazioni sul futuro della nostra terra.

Ascolto, confronto e proposte, daranno vita alla svolta della nostra comunità.

La legge elettorale alla Camera il 29 gennaio

#Italicum Come funziona la proposta di legge elettorale presentata alla Camera in commissione Affari costituzionali.

Italicum_legge_elettorale

La legge elettorale approderà in Aula alla Camera, per l’inizio dell’esame da parte del Parlamento, a partire dal 29 gennaio. 
Lo ha deciso la Conferenza dei capigruppo di Montecitorio, che ha previsto anche che le operazioni di voto si svolgeranno il 30 e il 31 di gennaio. 

“L’Italicum è, alle condizioni date, il miglior sistema elettorale che siamo riusciti a produrre nell’ambito di un patto”, ha affermato intervenendo ad Agorà Debora Serracchiani, membro della segreteria nazionale del Pd. 

E, a proposito delle eventuali modifiche, il portavoce della segreteria del Pd Lorenzo Guarini ha chiarito: “Ogni modifica al testo della legge elettorale può essere fatta, basta che non venga messo in discussione quanto concordato con tutti i soggetti politici che hanno stipulato l’accordo”. Guerini aggiunge: 

“Al di là delle posizioni personali, ogni modifica si può fare – ha aggiunto -, fatto salvo ovviamente il ruolo del Parlamento, tenendo presente la responsabilità di mantenere insieme tutte le forze che hanno condiviso l’impianto della riforma elettorale, altrimenti c’è il rischio che non si arrivi a un approdo positivo”. 

“Siamo aperti a ogni possibile modifica migliorativa – ha fatto sapere l’esponente dem -, e non è detto che le preferenze lo siano, ma ripeto: dobbiamo tenere insieme tutte le forze che hanno siglato l’accordo”.

fonte Partito Democratico

Come funzionerà la nuova legge elettorale? Guarda il filmato cliccando sull’icona YouDem.tv

Unknown

27 gennaio 2014

Olevano_giorno della Memoria_27_gennaio-2014