Archivi Mensili: maggio 2014

Lettera del segretario regionale

Carissime, carissimi,

dopo un risultato così straordinario per il Partito Democratico, dopo che è stato sfondato il tetto del 40% non solo su base nazionale ma anche in Lombardia, mi sembra doveroso dirvi grazie.

In queste settimane siete stati raggiunti da molti messaggi e appelli al voto, e può essere che in qualche caso tutto ciò vi sia sembrato eccessivo, però credo che il risultato raggiunto mostri come sia necessario anche questo tipo di lavoro per raccontare le idee che abbiamo e per convincere che il voto al PD è un voto per il cambiamento e per la speranza di un futuro migliore.

Vorrei ringraziare ogni iscritto, ogni militante, ciascuna delle migliaia di persone che si è spesa in questa campagna elettorale: abbiamo organizzato gazebo e banchetti, abbiamo attaccato manifesti e volantinato, abbiamo presidiato i seggi con i nostri encomiabili Rappresentanti di lista, abbiamo parlato, discusso, mobilitato i nostri vicini di casa, i nostri amici.

Bene, è stato un lavoro difficile ma è servito, ha consentito al PD – grazie alla guida di Matteo Renzi e grazie all’impegno delle donne degli uomini del nostro partito – di conseguire un risultato strepitoso. E’ un grazie sincero e meritato quello che vi rivolgo.

Vale non solo per le europee ma anche per le elezioni amministrative (a questo link i risultati nei Comuni superiori ai 15mila abitanti): anche lì un successo inequivocabile, e la necessità di un ulteriore e convinto impegno per i 28 Comuni lombardi che andranno al ballottaggio domenica 8 giugno: ancora questo passo e poi potremo festeggiare un risultato bellissimo e lavorare per consolidarlo ulteriormente.

A presto, e davvero grazie.

Alessandro Alfieri

Segretario regionale PD lombardo

Gli eletti della circoscrizione Nord-Ovest

Circoscrizione Nord Ovest

Pd – 9 seggi: Alessia Mosca, Sergio Cofferati, Mercedes Bresso, Patrizia Toia, Antonio Panzeri, Renata Briano, Luigi Morgano, Brando Benifei, Daniele Viotti.
M5s – 4 seggi: Tiziana Beghin, Marco Valli, Eleonora Evi, Marco Zanni.
Forza Italia – 4 seggi: Giovanni Toti, Lara Comi, Alberto Cirio, Stefano Maullo.
Lega Nord – 3 seggi: Matteo Salvini, Gianluca Buonanno, Angelo Ciocca, (Francesco Bruzzone).
Lista Tsipras – 1 seggio: Moni Ovadia, (Curzio Maltese).
Ncd-Udc – 1 seggio: Maurizio Lupi, (Massimiliano Salini).

Valanga democratica!

Risultati delle elezioni Europee 25 maggio 2015
PARTITO DEMOCRATICO 188  (41,22%)
MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT   77  (16,88%)
FORZA ITALIA 70 (15,35%)
LEGA NORD-DIE FREIHEITLICHEN-BASTA €URO 63 (13,81%)
NUOVO CENTRO DESTRA – UDC 21 (4,60%)
FRATELLI D’ITALIA – ALLEANZA NAZIONALE 13 (2,85%)
VERDI EUROPEI-GREEN ITALIA 8 (1,75%)
L’ALTRA EUROPA CON TSIPRAS 8 (1,75%)
SCELTA EUROPEA 5 (1,09%)
ITALIA DEI VALORI 3 (0,65%)
IO CAMBIO – MAIE – –

Totale 456

Schede bianche 28 (5,58 %)
Schede nulle 17 (3,39 %)
Schede contestate e non assegnate –

L’idea di Paolo Sinigaglia

Carissimi e carissime,

mancano pochi giorni alle elezioni europee e amministrative che si terranno DOMENICA 25 MAGGIO. Sono a inoltrarvi una lettera di Paolo Sinigaglia con il suo appello al voto.

Un caro saluto,

Alessandro Alfieri

Segretario regionale PD lombardo

———

“Noi, europei”: un progetto collettivo per la costruzione della prossima Europa

Cara democratica, caro democratico,

Il filo conduttore della mia campagna è L’Europa come opportunità, dai diritti all’economia passando per l’ambiente. Innovazione consapevole e sviluppo sostenibile, valorizzazione del paesaggio e centralità dei diritti sono i temi su cui focalizzo la mia attenzione, convinto che vi sia una vasta area di opinione che trova ancora troppo poco ascolto dentro il Partito Democratico e che invece rappresenta una parte importante del nostro Paese, quella appunto più europea.
Racconto la “mia” Europa attraverso 12 città, come 12 sono le stelle sulla bandiera dell’Unione. Città che grazie ai fondi e alle politiche comunitarie hanno raggiunto livelli di eccellenza in materia di ambiente e sostenibilità (limitando il consumo di suolo e di acqua, diminuendo l’emissione di inquinanti, costruendo abitazioni che producono più energia di quanta ne consumino, incrementando il riciclo e il riuso dei rifiuti), trasporti e mobilità leggera (investendo sui mezzi collettivi e sulla bicicletta “ad uso quotidiano”), innovazione tecnologica e cultura (valorizzando la creatività come motore di crescita e creandoci sopra impresa), diritti e pari opportunità (dando a tutti la possibilità di coronare i propri sogni sposandosi a prescindere dal sesso e dalla nazionalità, favorendo l’integrazione dei migranti attraverso il voto).
Grazie all’Europa molti Stati hanno conseguito obiettivi che da soli non avrebbero avuto la forza di raggiungere. Ma l’Europa deve ancora fare molta strada, nella prospettiva federale, per arrivare a un vero Governo europeo dotato di bilancio e un Parlamento europeo dotato di poteri legislativi.
Grazie all’Europa ci stiamo ponendo obiettivi ambientali importanti su molti temi (riciclo dei rifiuti, emissioni inquinanti, abbattimento dei gas serra e risparmio energetico), che pongano il continente in posizione di leadership mondiale. La mia proposta è di aggiungere il nuovo obiettivo della riduzione del consumo di suolo a livello europeo: se è possibile in alcuni paesi membri perché non deve diventare un traguardo continentale?
Per uscire dalla crisi la parola chiave è una: investire. L’Europa ci dà risorse economiche e normative e garantisce possibilità di innovazione e ricerca nel contesto internazionale. Fino a ieri i Programmi quadro sulla ricerca sono stati pensati per atenei e enti di ricerca, il prossimo è rivolto anche alle PMI. L’Italia deve darsi come l’Europa l’obiettivo del 3% di spesa sul PIL in ricerca e innovazione entro il 2020 (oggi è l’1%): gli investimenti in R&S costituiscono l’unico vero motore di crescita a lungo termine.
I matrimoni egualitari e il diritto di voto degli stranieri regolarmente residenti sono un realtà in molti paesi europei e non di rado sono stati governi conservatori ad introdurli. Rafforzare il quadro europeo dei diritti, promuovere un’educazione sessuale adeguata per bambine e bambini, stimolare attivamente la prevenzione di gravidanze indesiderate e garantire un accesso equo alla contraccezione e all’interruzione di gravidanza sicura e legale, in un’ottica di lotta alle discriminazioni di genere, rimangono per me obiettivi costituitivi dell’Unione.
Per saperne di più, vi invito a visitare il sito dedicato al programma http://www.paolosinigaglia.eu e la pagina dove la racconto quotidianamente https://www.facebook.com/paolo.sinigaglia.1970.

Un abbraccio democratico,
Paolo Sinigaglia

Morgano in Europa

Carissimi e carissime,
mancano pochi giorni alle elezioni europee e amministrative che si terranno DOMENICA 25 MAGGIO. Sono a inoltrarvi una lettera di Luigi Morgano con il suo appello al voto.
Un caro saluto,
Alessandro Alfieri
Segretario regionale PD lombardo

———

Carissime e Carissimi,
innanzitutto ringrazio tutti voi per l’impegno profuso in queste settimane di campagna elettorale.
Ho accettato questa nuova sfida, con il treno già in corsa; ho vissuto una campagna intensa, incontrando tante persone… ho un solo rammarico: non aver potuto rispondere positivamente a tutti gli inviti perché i tempi ristretti a disposizione non me l’hanno permesso. Mi auguro di poter continuare questo contatto diretto che vuole sottolineare che, prima di tutto, le cittadine, i cittadini e le famiglie devono poter contare sull’Europa ……..
In questa importante scadenza europea porto il bagaglio e le competenze acquisite e maturate nel corso della mia vita professionale e nel mio impegno nell’ambito del no profit e nelle Istituzioni.
In questa prospettiva vi chiedo di voler considerare e se possibile sostenere la mia candidatura. Nel facsimile di scheda elettorale in allegato – oltre al mio nome – vi è la possibilità di completare e poi distribuire e diffondere, anche con altre preferenze.
Un cordialissimo saluto.

Luigi Morgano

L’appello al voto del segretario regionale

Carissimi e carissime,

sono le ultime ore prima delle elezioni europee ed amministrative che si terranno DOMENICA 25 MAGGIO. Sarà un momento cruciale per il nostro Paese e il Partito Democratico vuole essere protagonista.

Ci scusiamo se vi abbiamo inviato più comunicazioni, ma era necessario far conoscere tutti i candidati.
La posta in gioco è alta. L’alternativa è tra chi vuole costruire e chi cerca di distruggere tutto. Il Governo Renzi vuole cambiare l’Italia. Per cambiare l’Europa il 25 maggio è necessariovotare Partito Democratico.

Il PD ha dato un segnale forte nella direzione del cambiamento candidando cinque donne capolista nei cinque collegi elettorali d’Italia. Nel nostro collegio la capolista èAlessia Mosca, da anni impegnata sui temi europei.

Oltre ad Alessia, i candidati lombardi sonoPatrizia Toia,Antonio Panzeri,Sergio Aureli,Luigi Morgano, Paolo SinigagliaeFrancesca Zaltieri.

Vi invito quindi a votare e a far votare il Partito Democratico, esprimendo la preferenza per i nostri candidati.

Ricordo che l’elettore può esprimere fino a un massimo di tre preferenze delle quali una deve essere di sesso differente, preciso anche che, nel caso in cui l’elettore esprima solo due preferenze, queste potranno legittimamente essere a favore di candidati dello stesso sesso.

Un caro saluto,

Alessandro Alfieri
Segretario regionale PD lombardo

L’Europa di Sergio Aureli

Carissimi e carissime,

mancano pochi giorni alle elezioni europee e amministrative che si terranno DOMENICA 25 MAGGIO. Sono a inoltrarvi una lettera di Sergio Aureli con il suo appello al voto.

Un caro saluto,

Alessandro Alfieri
Segretario regionale PD lombardo

 

———

 

Cara elettrice, caro elettore,

la democrazia è partecipazione, la libertà è partecipazione! Domenica si terranno le elezioni europee.

Il mio invito è quello di partecipare alla costruzione del nuovo Parlamento europeo recandoti alle urne e votare. Dobbiamo riappropriarci del nostro divenire sociale e politico esercitando il diritto al voto.
In un momento storico di incertezze e precarietà risulta ancor più necessario essere parte attiva dei cambiamenti: nella propria città, nella nostra nazione, sul posto di lavoro, nelle associazioni tutte.

Con il preciso intento di tradurre in pratica questi principi fondatori della democrazia ho deciso di candidarmi a questo importante momento elettorale.
In queste settimane ho viaggiato lungo le strade della Lombardia, del Piemonte, della Liguria e della Valle d’Aosta, fermandomi nelle piazze, frequentando i mercati, partecipando a dibatti, ma soprattutto discutendo con le cittadine e i cittadini di queste regioni.
Ho colto nella voce e nelle parole, negli sguardi e nei corpi un’Italia preoccupata ma viva, stordita dalla crisi ma non arrendevole, affaticata ma lucida. Un’Italia pronta e preparata ad essere protagonista in Europa, senza paura, senza remore, senza timidezza.

La mia ambizione politica è quella di portare in Europa questa Italia e di portare in Italia l’Europa dei suoi padri fondatori.
L’Italia creativa e creatrice, l’Europa solidale e pacifica, l’Europa dei diritti e dell’uguaglianza. Ma questa Italia ha bisogno di una voce e questa Europa ha bisogno di un cambiamento.
Il Partito Democratico è il vero regista di questo cambiamento e la mia candidatura ne rappresenta la continuità.

La mia ambizione è di creare dibattito nel Parlamento europeo attorno ai temi a me cari del Lavoro, della sicurezza sociale e previdenziale, della crescita sostenibile e non sostenuta.
La mia ambizione è di continuare ad essere all’ascolto delle esigenze e delle preoccupazione dei cittadini ed essere il loro esecutore in Europa, favorendo l’accesso ai finanziamenti, sostenendo progetti innovativi, creando opportunità per chi studia, sostenendo chi è in pensione e chi un lavoro non ce l’ha e chi lavora e contribuisce onestamente.
La mia ambizione è di riportare l’Europa ad essere un grande Stato sociale, sconfiggendo la logica dell’austerità imposta da coloro che dirigono la finanza internazionale e impongono le nostre attuali sofferenze.

Cara elettrice, caro elettore, domenica deciderai quale Italia portare in Europa.
La mia ambizione è essere questa nostra Italia perché in Europa possiamo andarci insieme.

Ringrazio tutte e tutti coloro che mi hanno stimolato in queste settimane fermandosi a parlare con me, rendendomi partecipe delle loro aspettative e delle loro preoccupazioni. Ringrazio tutte e tutti coloro che mi hanno aiutato a diffondere il mio programma, le mie idee. A tutte, a tutti, un affettuoso abbraccio.
Per il nostro territorio e per non perdere questa occasione.

Cordialmente,
Sergio Aureli

#unoxuno Lettera di Matteo Renzi agli elettori

logopd

U3X33ZN7CN155

Gentile amica, caro amico,
meno di sei mesi fa le primarie del Partito Democratico mi hanno consegnato il compito di guidare la nostra comunità. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti, sia nella vita del PD che in quella del Governo.

Continua a leggere →

il 25 maggio scegli l’Europa

10402610_1418111895130320_671887561549329340_n

L’esperienza di Patrizia

Carissimi e carissime,

mancano pochi giorni alle elezioni europee e amministrative che si terranno DOMENICA 25 MAGGIO. Sono a inoltrarvi una lettera di Patrizia Toia con il suo appello al voto.

Un caro saluto,

Alessandro Alfieri

Segretario regionale PD lombardo

———-

Cara democratica, caro democratico,

non è retorica dire che le prossime elezioni di maggio segneranno la futura storia europea e italiana. E’ proprio così.

Questa volta siamo di fronte ad un bivio: o una traumatica interruzione del percorso europeo o una decisiva accelerazione verso una federazione degli Stati europei, cioè un’Europa più forte, più utile e più’ democratica.

Sappiamo che l’Europa negli ultimi anni non è stata all’altezza del suo compito e che per questo occorre un radicale cambiamento.

Se è vero che senza Europa non c’è possibilità di far uscire il nostro Paese dalle difficoltà, è altrettanto vero che è fondamentale un’inversione di rotta della politica economica e di bilancio fatta in questi anni, frutto di una visione miope e poco solidale della leadership imperante a livello europeo.

Bisogna passare dal rigore allo sviluppo, dalla centralità del bilancio alla centralità del lavoro e della persona.

Ma per fare tutto questo deve essere la politica a guidare l’Europa: deve essere il gruppo S&D in Parlamento se avrà la maggioranza, deve essere Martin Schulz alla Commissione con la forza di una Presidenza voluta dai cittadini, deve essere Matteo Renzi alla presidenza del Consiglio dell’UE.

In queste elezioni mi presento a te forte del lavoro fatto in Parlamento europeo e con molte proposte per continuarlo, con la stessa intensità, se sarò eletta.

In questa legislatura mi sono impegnata su due fronti: quello economico, industriale e legato alla ricerca, all’innovazione, al digitale e all’energia e quello sociale, cambiando radicalmente l’approccio europeo all’economia sociale di mercato, con l’obiettivo, realizzato, di inserire pienamente questo aspetto e il sostegno al terzo settore nell’agenda europea.

Vi trasmetto il link al mio bilancio di mandato, dove trovate i principali dossier che ho seguito in prima persona.

Per esperienza so che l’Europa non consente improvvisazioni e incompetenza, se non ad alto prezzo per i cittadini italiani.

Per questo la delegazione del Pd nel gruppo S&D dovrà essere forte, competente, radicata sul territorio e sempre più capace di collegare l’Europa alle esigenze e ai bisogni dei cittadini, delle istituzioni e delle comunità locali.

Gli obiettivi del nostro Partito, italiano ed europeo, sono possibili e raggiungibili. Insieme dobbiamo farcela.

Un caro saluto,

Patrizia Toia

Sul mio sito http://www.patriziatoia.eu trovi il mio volantino elettorale, dei volantini tematici che ho preparato con proposte specifiche sui temi.
Puoi seguire la mia attività anche sul mio profilo Facebook e scrivermi a segreteria@patriziatoia.it