Archivi tag: democratici

Le dieci proposte dei Giovani democratici che forzano la mano sul Pd

16410_854885971209913_1849003986745198404_nDiritti civili, immigrazione, temi etici e droghe leggere: l’iniziativa dei Gd prova a condurre su posizioni più avanzate il partito: «Il nostro decalogo per promuovere più giustizia e libertà»

Un programma in dieci punti, dieci proposte sulle quali i Giovani democratici raccoglieranno per sei mesi le firme attraverso iniziative pubbliche da organizzare in tutta Italia. Sono quelle presentate ieri a Roma dal segretario Andrea Baldini, in un’assemblea alla quale hanno partecipato anche il capogruppo alla camera Roberto Speranza, le componenti della segreteria nazionale Valentina Paris e Alessia Rotta e alcuni giovani parlamentari.Continua a leggere

fonte Europa quotidiano

La buona Scuola a Pavia

10736073_10205464405316643_1761869005_n

Primo Piano

Leggi gli articoli cliccando sulle immagini di riferimento

7D5KW8U3R1GWU21AUOX21X8T01

Al via il corso “Impariamo ad amministrare”

01corso amministratori localiNasce “Impariamo ad Amministrare”. un percorso permanente di formazione rivolto agli amministratori locali e a tutti coloro i quali vogliono approfittare di un valido supporto formativo. I primi due incontri si terranno martedì 25 e mercoledì 26 marzo alle ore 21.00 presso la Federazione Provinciale (Pavia, Via Taramelli 7), e saranno principalmente incentrati sull’inquadramento generale dell’ente comunale e la gestione del bilancio.

Ospite del mese: Mariangela Maiocchi

Piccola

Giovani Democratici 2014. La tessera

GIOVANI DEMOCRATICI: BIANI DISEGNA LA TESSERA 2014, su EUROPA e INTEGRAZIONE

Compare un disegno di Mauro Biani (Manifesto, Espresso, Fatto Quotidiano) sulle tessere 2014 che questa settimana verranno stampate per essere consegnate ai più di 40.000 iscritti dell’organizzazione giovanile del PD. Sul retro, una citazione di Dante.

Una firma prestigiosa, quella di Biani, vignettista del Manifesto e collaboratore di tante testate nazionali e internazionali (tra gli altri L’Espresso, Il Fatto, The Guardian, Courrier Intenational, Peacelink, Polisblog). Il coinvolgimento di Mauro Biani riprende una tradizione di raffigurazione artistica dell’ideale politico, abbandonata da alcuni anni. Al centro del disegno, un’imbarcazione e il suo equipaggio che solcano il mare (il mare mediterraneo, ma pure il mare in burrasca della crisi economica) nel tentativo di orientare il tragitto guardando alle stelle. I colori e la disposizione delle figure richiamano l’Europa; la navigazione, immediatamente, il viaggio dei migranti.

“Sarà un anno importante, per l’Europa, per il nostro Paese e soprattutto per le giovani generazioni. Per questo, abbiamo voluto consegnare nelle mani dei nostri iscritti una tessera che contenga un forte valore simbolico.” Così Fausto Raciti, segretario nazionale GD, presenta l’iniziativa. “Ci siamo affidati alla matita di Biani, convinti che esista una dimensione di bellezza, persino poetica della militanza politica. Della buona politica, che noi continuiamo a voler rappresentare.”

Sul retro della tessera, invece, apparirà il verso conclusivo del l’Inferno dantesco: “e quindi uscimmo a riveder le stelle”. Un citazione non convenzionale, per una tessera di partito, seppure in un momento favorevole per i fiorentini. Un’altra scelta simbolica: “dobbiamo uscire dall’inferno economico e culturale degli ultimi anni, che ha colpito soprattutto i più giovani. Come Dante, dall’Inferno si esce guardando le stelle, come nel disegno di Biani” spiega ancora Raciti “I GD conoscono bene le proprie stelle: Europa, integrazione, istruzione, uguaglianza, beni comuni e diritti. Navigando verso questo orizzonte affronteremo i prossimi passaggi, dalle elezioni europee e amministrative di maggio, alla sfida più difficile: che questo sia l’anno di svolta per l’Italia, per fare il primo passo fuori dalla crisi economica.”

I GD sono la più grande organizzazione giovanile d’Italia e continueranno, spiegano, “a rappresentare i bisogni e le aspirazioni di una generazione in difficoltà, che vuole prendere in mano il timone e costruire un’Italia più giusta e libera, un’Europa diversa, che difenda i beni comuni e non i privilegi”. Perché tutto questo avvenga, i GD hanno davanti un anno intenso, di attività tra i loro coetanei e di presenza nelle Istituzioni locali, nazionali ed europee.

qui il sito con tutte le illustrazioni di Mauro Bianihttp://maurobiani.it/

Tessera GD 2014

Villani: ‘La nostra proposta: finanziamenti e terre confiscate alla mafia alle aziende agricole che aiutano soggetti svantaggiati’

Reinserire nel mondo del lavoro soggetti svantaggiati, come ex-detenuti, ex-alcolisti, ex-tossicodipendenti, malati psichici, persone diversamente abili, e occuparsi di iniziative di carattere sociale. Mandando avanti molto bene un’azienda agricola, una cooperativa o un agriturismo di successo. E ottenendo finanziamenti, attraverso il Piano di sviluppo rurale, quindi direttamente dai fondi europei, ma anche le  terre confiscate alla mafia. Potrebbe essere presto possibile per le aziende che in Lombardia fanno agricoltura sociale, ma soprattutto può aprire un ventaglio di opportunità anche per altri che finora non sapevano come muoversi, proprio perché manca un quadro normativo.

Il Gruppo regionale del Pd ha appena depositato un progetto di legge che mette nero su bianco la possibilità di fare agricoltura sociale e regola ciò che già esiste. “Potrebbe sembrare un tema di nicchia, ma afferma la volontà del Pd di stare legati alle questioni concrete. E in questo caso proviamo a colmare un vuoto. Quindi, anche se non siamo noi a costruire l’agenda degli impegni di questa regione, facciamo proposte concrete alla Giunta Maroni”, commenta Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd, componente dell’VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale e firmatario della proposta. Continua a leggere

Fonte Federazione Provinciale Pavia

Primo piano

Leggi gli articoli cliccando sulle immagini di riferimento

J1C11KOO6AEER

U95436A56729L

TuteliAMO l’ambiente

1231121_728632587169149_180298905_n

Voucher leva leva civica 2014

testata

PERCORSI DI CITTADINANZA ATTIVA PER I GIOVANI

Le domande possono essere inoltrate dalle ore 10.00 del 6 marzo e non oltre le ore 12.00 del 21 marzo 2014

Finalità: favorire esperienze di formazione per i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni non compiuti, residenti o domiciliati in Lombardia, attraverso la partecipazione alla vita della comunità locale. Ciascun progetto presentato potrà beneficiare di un cofinanziamento di Regione Lombardia di 3.900,00 euro pari al 60 % del valore del progetto. Saranno attivabili 500 voucher a favore di altrettanti giovani per creare esperienze formative da realizzare negli enti locali, nei diversi ambiti di attività in cui gli stessi operano. I progetti presentati dagli enti locali potranno essere programmati d’intesa con associazioni, cooperative, scuole e oratori.
Beneficiari: Comuni, Unioni o Consorzi di Comuni e Comunità montane.
Scadenza: bando ad esaurimento fondi, le domande possono essere inoltrate dalle ore 10.00 del 6 marzo e non oltre le ore 12.00 del 21 marzo 2014esclusivamente on-line
Linkbando Voucher leva civica regionale 2014 (94 KB) PDF